EDITORE E DIRETTORE RESPONSABILE

Dott. DANIELE G. MASCIULLO - Classe 1976, è nato e risiede a Galatina, in provincia di Lecce. E' editore e giornalista. Appassionato dell'arte circense, è socio del Club Amici del Circo (C.A.de.C). - Il blog personale è www.danielemasciullo.com

Seguimi

COORDINATORE DI REDAZIONE

ANTONIO JAVIER DI LENA - Classe 1986, si occupa dell’organizzazione del lavoro redazionale definendo i modi, i tempi e gli spazi del giornale. Ha alle spalle 22 anni di collaborazione con vari circhi, teatri di burattini e mostre a tema.

  • Home
  • /
  • Circo contemporaneo
  • /
  • “Butterfly Zone”: una rete di scambio internazionale per lo sviluppo del circo contemporaneo

“Butterfly Zone”: una rete di scambio internazionale per lo sviluppo del circo contemporaneo

“Butterfly Zone”: una rete per lo scambio di conoscenze e buone pratiche, per far crescere il circo contemporaneo, promuovere giovani talenti e far dialogare partner internazionali quali Fondazione Cirko Vertigo, capofila del progetto, L’Albero del Macramè di Mondovì (CN), Inac-Instituto Nacional De Artes Do Circo (Portogallo), Shems’y – École Nationale De Cirque Salé (Marocco), tutti partner di progetto.

Il progetto, realizzato da Fondazione Cirko Vertigo, diretta da Paolo Stratta, è risultato il vincitore del bando Boarding Pass Plus 2023/24 del MiC – Direzione Generale dello Spettacolo. Si sviluppa in quattro visite didattiche, durante le quali si terranno cinque workshop, ciascuno dedicato a un tema rilevante per l’impiego dei giovani talenti, sotto la guida di esperti del settore e consulenti.

Butterfly Zone è progetto pilota che, sotto forma di vetrina artistica, fa dialogare professionisti e giovani talenti mettendoli a confronto. Permette agli esperti e ai manager che si occupano della distribuzione degli spettacoli e ai talent scout di essere portavoce del pubblico e allo stesso tempo scoprire i giovani artisti che portano in scena produzioni originali e innovative. Facilitando l’incontro di creativi, produttori e programmatori risulterà più semplice mettere in rete i contatti giusti che permettano agli artisti italiani di guardare oltralpe e aldilà del Mediterraneo, portando la loro arte nel mondo. Oltre ai professionisti interni, ogni partner inviterà agli appuntamenti sei esperti produttori esterni, tre nazionali e tre stranieri, che potranno dare un feedback immediato agli artisti riguardo agli aspetti di forza delle loro creazioni e agli eventuali miglioramenti da apportare.

L’obiettivo è quello, inoltre, di rafforzare le capacità di problem solving degli staff nell’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro, creando una guida di facile fruizione che possa essere diffusa a tutte le realtà di circo contemporaneo. Ogni partner, al ritorno dalle visite studio e dai workshop, riporterà al proprio personale e agli artisti coinvolti le conoscenze e gli strumenti appresi.

Il primo evento si terrà il 10 e l’11 luglio a Mondovì (CN) durante il festival Piazza di Circo organizzato da L’Albero del Macramè. In agosto il secondo evento si terrà al festival Karacena di Salè e Rabat in Marocco, programmato dal 20 agosto al 7 settembre. Il terzo evento è previsto presso il Cupula Circus Village Festival in Portogallo (13-15 settembre) che ospiterà un doppio workshop seguito, nello stesso mese, il 23 e 24 settembre, dall’evento di chiusura del progetto presso il CNAC-National Arts Centre Du Cirque a Chalons-en-Champagne. Durante ogni evento, saranno organizzati un workshop tematico, una vetrina per gli studenti coinvolti e un momento di confronto con i professionisti.

A Mondovì la delegazione di INAC inizierà le sue attività la mattina del 10 luglio con una learning visit presso lo Chapiteau Nice, il nuovo chapiteau del Centro nazionale di produzione blucinQue Nice e di Fondazione Cirko Vertigo, nel quale si svolgeranno le prove dello spettacolo Extra-ordinaire degli artisti del terzo anno dell’Accademia Vertigo, che andranno in scena il giorno successivo nell’ambito del festival Piazza di Circo. Alle ore 15, la delegazione si sposterà presso il Museo della Ceramica per un workshop con focus sulle competenze del futuro organizzato da Cfpcemon in collaborazione con Laura Cassardo di CIAC, e la proiezione di due video: il teaser dello spettacolo Impromptu, la cui creazione con il regista Jérôme Thomas si è sviluppata proprio a Mondovì, e il video di presentazione delle fasi di montaggio dello chapiteau Nice, analizzate dal punto di vista di tecnici e rigger. Il workshop Futures Literacy di Cfpcemon, ente di formazione professionale a Ceva, Mondovì e Fossano, sarà aperto a un massimo di 12 partecipanti che potranno iscriversi gratuitamente all’evento su Eventbrite, programmato per il 10 luglio dalle 14:15 alle 17:15. In un ambiente di apprendimento collaborativo e interattivo, promuovendo la partecipazione attiva e la condivisione delle conoscenze, attraverso una combinazione di attività teoriche e pratiche, il workshop si propone di migliorare le competenze dei partecipanti per essere parte proattiva del cambiamento che ci circonda favorendo l’intelligenza collettiva.

A seguire, la delegazione INAC potrà assistere alle ore 18 alla presentazione dello spettacolo Coltivare di Andrea Yolitzin Ramos Mora, artista di Cirko Vertigo al terzo anno del corso di laurea, in scena nell’ambito del contest per giovani emergenti intitolato Piazza Aperta de L’Albero del Macramè.

L’11 luglio, la delegazione INAC sarà coinvolta in attività di networking e scambio. Assieme a loro, anche Guillaume Servely, regista dello spettacolo Extra-ordinaire, che andrà in scena la sera stessa alle ore 21:30 sotto lo chapiteau Nice in piazzale dei Giardini e a cui la delegazione di INAC potrà assistere assieme al pubblico di Piazza di Circo.

I partner di Shems’y ospiteranno in Marocco, durante Karacena, la Biennale des Artes du Cirque et du Voyage, che si terrà dal 20 agosto al 7 settembre 2024, un workshop attualmente in fase di definizione.

INAC organizzerà una visita didattica negli spazi della scuola, una conferenza/workshop rivolta ai programmatori sull’importanza dell’organizzazione di eventi vetrina per l’internazionalizzazione delle carriere dei giovani e un laboratorio dedicato alla stesura di un portfolio efficace dedicato agli artisti.

L’inserimento della compagnia blucinQue, diretta da Caterina Mochi Sismondi, nella programmazione dei festival coinvolti dal progetto testimonia il raggiungimento di uno degli obiettivi del progetto stesso, ovvero il dialogo fra partner internazionali e il sostegno a giovani compagnie: lo spettacolo Coppelia Project sarà portato a Piazza di Circo e al festival Karacena in Marocco e Coppelia un ballet mécanique al Cupula Festival in Portogallo.

 

Condividi:
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.